Sempre Pochi Prestiti anche con Intervento della BCE


Se l'obiettivo della Banca Centrale Europea era quello di dare un forte stimolo all'economia reale mettendo in condizione le Banche di erogare nuovi prestiti e finanziamenti che stimolassero l'economia reale, l'azione della BCE di Mario Draghi ha ottenuto ben pochi risultati.

A dirlo questa volta è l'autorevole ufficio studi della CGIA che ha analizzato con attenzione i risultati ottenuti dalla forte azione di Quantitative Easing della BCE che sta immettendo sul mercato ben 80 Miliardi di liquidità ogni mese da oltre un anno.

Malgrado questa enorme massa liquida che si riversa sul mercato infatti l'inflazione rimane praticamente inesistente e i prestiti e finanziamenti alle piccole e medie imprese in Italia continuano a segnare il segno meno.
Eppure la BCE con questa sua azione si riprometteva di portare l'inflazione al 2% e di dare una forte spinta all'economia.

Chi invece ha gioito dell'azione della BCE sono stati i detentori di Titoli che hanno riversato nelle inesauribili casse delle BCE ben 1.248 Miliardi di Titoli solo in questi ultimi 18 mesi.

Sempre a far fede a dati forniti dalla CGIA il livello medio dei prezzi in Eurozona è salito per solo lo 0,2% in un momento in cui i prestiti alle società non finanziarie sono scesi dello 0,5%.


Notizia Flash
--
Redazione – Prestito.it
www.prestito.it
redazione@prestito.it

 - 2016-10-15 





Calcola la tua Rata

%